Scrivi a Milano news
Home Tags Eventi

Tag: eventi

Ultime notizie sui principali eventi che caratterizzano la città metropolitana di Milano: concerti, mostre, sfilate, eventi sportivi (calcio, basket, pallavolo e tanti altri sport), happening, inaugurazioni, convegni, meeting di carattere economico etc

Spirit de Milan: ecco tutti gli appuntamenti dal 20 al 25 ottobre

0
Spirit de Milan_foto di Olga BSP (b) (da ufficio stampa)

Continuano gli appuntamenti allo SPIRIT DE MILAN (via Bovisasca, 59, Milano), la cattedrale in cui si incontrano la cultura swing e la passione per la bellezza e la tradizione, alla riscoperta del fascino di Milano e della “milanesità.

Con le nuove disposizioni anti-Covid-19, lo Spirit de Milan è aperto tutti i giorni su 7 dalle 18:30 a mezzanotte, con l’avvio della musica dal vivo anticipato alle 21:30.

Domenica 25 ottobre lo Spirit de Milan aprirà i battenti dalle 11 del mattino fino a sera per10 ARTISTI, 100 STORIE PER I 100 ANNI DI GIANNI RODARI”, una giornata dedicata ai 100 anni di Gianni Rodari adatta a grandi e piccini per ricordare i 100 anni dalla nascita di uno dei più grandi scrittori di letteratura per l’infanzia. Per tutta la giornata ci saranno angoli dedicati al magico scrittore, laboratori, momenti di gioco e racconti.

Maggiori informazioni su “10 ARTISTI, 100 STORIE PER I 100 ANNI DI GIANNI RODARI” al seguente link: www.spiritdemilan.it/100-volte-gianni-rodari/

Questi gli appuntamenti dal 19 al 25 ottobre:

Martedì 20 ottobre appuntamento settimanale con “CA.BAR.ET BOH.VISA. MILANO 5.0 – Musica e cabaret fuori dagli schermi” con protagonisti Rafael Didoni, Folco Orselli, Germano Lanzoni, Walter Leonardi e Flavio Pirini che allo Spirit de Milan hanno trovato casa e voglia di fare squadra, mescolando risate e malinconie, nonsense e profondità. (in onda anche sullo SpiritoPhono tutti i martedì alle 19:30).

Mercoledì 21 ottobre Irish Night, serata di musica irlandese con gli Inis Fail e il loro mix vincente di tradizione ed innovazione.

Giovedì 22 ottobre serata Barbera & Champagne con i The Cadregas, il cui repertorio sconfina dai più antichi stornelli milanesi di fine ‘800 e le goliardiche canzoni da osteria dei primi del ‘900 fino ad arrivare a Cochi e Renato, Strehler, Enzo Jannacci e Dario Fo, con alcuni sconfinamenti regionali. El Dindondero è invece il loro programma radiofonico in onda sullo SpiritoPhono tutti i giovedì alle 19.00.

Venerdì 23 ottobre Bandiera Gialla con i MahBuhBah, in un concerto di musica beat e ritmo dal sapore vintage.

Sabato 24 ottobre appuntamento con Holy Swing Night, con la direzione artistica di Mauro Porro, e Hot Crystal Rhythmakers 4tet, la resident band di Spirit, e il sassofonista e clarinettista Lorenzo Baldasso.

Domenica 25 ottobre10 artisti, 100 storie per i 100 anni di Gianni Rodari”, speciale per ricordare i 100 anni dalla nascita di uno degli autori italiani più importanti della letteratura italiana d’infanzia. Per tutta la giornata ci saranno angoli dedicati al magico scrittore, laboratori, momenti di gioco e racconti.

L’atmosfera vintage tipica dello SPIRIT DE MILAN è custodita nei suoi 1500 mq: lo Spirit de Milan non è solo musica dal vivo, risate e divertimento, ma anche buona cucina (tutto, ovviamente, nel rispetto delle norme di sicurezza)!

Con le nuove disposizioni anti-Covid-19, lo Spirit de Milan è aperto tutti i giorni su 7 dalle 18:30 a mezzanotte (l’avvio della musica dal vivo è anticipato alle 21:30). Per cenare alla “Fabbrica de la Sgagnosa”, è fortemente consigliata la prenotazione utilizzando il form online o chiamando il numero 3667215569.

Prenotazioni cena: http://spiritdemilan.it/prenotazioni/
Numero attivo tutti i giorni dalle 15:00 alle 19:00, inviando anche un sms, 366 7215569.
Informazioni e prenotazioni: festeggia@spiritdemilan.it

Una volta arrivati nella zona ristorante bisognerà aspettare che La Mariuccia o L’Ambroes vengano ad accogliervi e ad accompagnarvi al tavolo prenotato.

Il menù, ovviamente, comprende i piatti della tradizione milanese: cose semplici come quelle della nonna, cucinate con amore e con ingredienti selezionati.

Intanto prosegue la programmazione di SPIRITOPHONO (www.spiritophono.it) , la web radio dello Spirit de Milan, in onda tutti i giorni 24 ore su 24 con musica e trasmissioni improntate sulla programmazione musicale dello Spirit de Milan, per riscoprire la musica milanese, tenere il ritmo con la musica swing, blues, la disco anni 70 e il cabaret, oltre a scoprire brani inediti dei gruppi musicali che tutte le settimane normalmente animano il palco del locale.

La radio, curata dall’associazione di promozione sociale Spirit de Milan, diventa così il completamento del “manifesto” dello Spirit, degli ideali di aggregazione, appartenenza e cultura da sempre sostenuti, aggiungendo al divertimento tipico del locale, approfondimento e conoscenza degli artisti, delle loro storie e della storia di Milano, con un linguaggio vicino a quello degli ascoltatori e dei frequentatori… per sentire tutti le stesse cose nello stesso momento!

Per sostenere gli artisti che compongono il palinsesto, in questo momento reso così complicato dall’emergenza coronavirus per i lavoratori dello spettacolo, sulla pagina web della radio si trova un link per le donazioni (scaricabili anche dalla dichiarazione dei redditi). 

Spirit de Milan è anche un’associazione di promozione sociale; la tessera annuale non obbligatoria (valida fino al 31 dicembre) prevede un contributo di 15 euro e consente di avere riduzioni sulle serate a pagamento, oltre a dare la possibilità di partecipare ad eventi organizzati ad hoc per i soci e a sostenere le attività della radio.

Il progetto SPIRIT DE MILAN è un’idea di KLAXON srl, società nata nel 2000 come studio di progettazione che opera nel campo dell’exhibition design e ideatrice del festival SWING’N’MILAN. Tra i suoi obiettivi principali c’è quello di creare eventi tematici che coinvolgano i partecipanti a 360°.

Coronavirus, multe ai locali della movida milanese: il Codacons fa un esposto

0
Movida a Milano, foto libero utilizzo da Unsplash

“Nonostante siano aumentati i controlli della polizia locale nelle zone più frequentate dai giovani nelle ore serali e notturne, giovedì sera, in via Melzo, gli agenti hanno proceduto alla chiusura di un locale per cinque giorni per assembramenti.  Nella stessa serata, un locale in corso Garibaldi è stato sanzionato per aver disposto i tavolini troppo vicini, quindi, non osservando le misure di distanziamento previste. La serata si è conclusa con la chiusura di un altro locale sempre in zona Garibaldi per mancato rispetto delle misure anti – Covid previste per gli esercizi”. A fare la fotografia, in un comunicato, è l’associazione consumatori Codacons.

“Siamo ancora in una situazione di emergenza sanitaria, tutti devono rispettare le misure al fine di contenere la diffusione del virus – si legge – Per coloro che sono titolari di un’attività o di un esercizio se non rispettano le misure prescritte, saranno sanzionati severamente: oltre alla multa, chiusura provvisoria di attività su disposizione dell’Autorità procedente, come ex art. 2, comma 1, d.l. 16.05.2020 n.33″,  commenta il Presidente del Codacons, Marco Donzelli, che annuncia “esposto alla Procura della Repubblica”.

Spirit de Milan, ecco tutti gli appuntamenti del mese di ottobre

0
Spirit de Milan, ballo, foto da ufficio stampa

Continuano gli appuntamenti allo SPIRIT DE MILAN, la cattedrale che nasce nella gloriosa struttura delle Cristallerie Fratelli Livellara (via Bovisasca, 59, Milano) in cui si incontrano la cultura swing e la passione per la bellezza e la tradizione, alla riscoperta del fascino di Milano e della “milanesità”.

IL CALENDARIO DI OTTOBRE

GIOVEDÌ 1 OTTOBRE lo Spirit de Milan rimarrà chiuso per un evento privato.

VENERDÌ 2 OTTOBRE appuntamento con Bandiera Gialla e la musica anni 60 e 70! Ad esibirsi ci saranno i Mary and the Quants, che spaziano dal beat e pop italiano ai classici R&B e soul della Motown fino alla musica british. I Mary and the Quants hanno un loro programma radiofonico, “Sessanta mi dà tanto”, in onda tutti i venerdì alle 19.00 su SpiritoPhono.
SABATO 3 OTTOBRE appuntamento con Holy Swing Night, con la direzione artistica di Mauro Porro, e i Lucy’s Pie Tiny quartet.

DOMENICA 4 OTTOBRE tornano a Spirit in Blues i T-Roosters, band nata dall’amore per la musica afroamericana, a partire dal blues delle origini attraverso nuove forme come lo swing/blues, il rock’n’roll e il boogie woogie, con un repertorio composto anche di brani originali.

LUNEDÌ 5 OTTOBRE Perché ci vuole orecchio – Open stage!”: il palco dello Spirit, “amministrato” da Flavio Pirini, si apre a tutti (cantanti e musicisti amatoriali e non) per esibirsi con il proprio strumento musicale su uno o due brani a scelta.

MARTEDÌ 6 OTTOBRE appuntamento settimanale con “CA.BAR.ET BOH.VISA. MILANO 5.0 – Musica e cabaret fuori dagli schermi” con protagonisti Rafael Didoni, Folco Orselli, Germano Lanzoni, Walter Leonardi e Flavio Pirini che allo Spirit de Milan hanno trovato casa e voglia di fare squadra, mescolando risate e malinconie, nonsense e profondità. (in onda anche sullo SpiritoPhono tutti i martedì alle 19:30).

MERCOLEDÌ 7 OTTOBRE il concerto di Valentina Rizzi, accompagnata dalla sua band: sarà un viaggio nella sua vita attraverso la musica e alcune delle cover che più la rappresentano.

GIOVEDÌ 8 OTTOBRE Barbera & Champagne con i Teka P, che alterneranno canzoni di loro produzione e brani classici di artisti quali Enzo Jannacci, Cochi e Renato, Giorgio Gaber, Walter Valdi, Dario Fo.

VENERDÌ 9 OTTOBRE Bandiera Gialla con le Dance Angels, trio al femminile con un repertorio interamente improntato sulla Dance che ha contaminato il mondo musicale degli anni ‘70 e ’80.

SABATO 10 OTTOBRE evento unico e speciale: anche quest’anno si terrà lo Swing’n’Milan! Unica serata con il concerto dei mitici Gentlemen and Gangsters. Ci sarà anche uno show di ballo sul palco e un corner vintage per rivivere le atmosfere della swing era.

LUNEDÌ 11 OTTOBRE Perché ci vuole orecchio – Open stage!”: il palco dello Spirit, “amministrato” da Flavio Pirini, si apre a tutti (cantanti e musicisti amatoriali e non) per esibirsi con il proprio strumento musicale su uno o due brani a scelta.

MARTEDÌ 13 OTTOBRE appuntamento settimanale con “CA.BAR.ET BOH.VISA. MILANO 5.0 – Musica e cabaret fuori dagli schermi” con protagonisti Rafael Didoni, Folco Orselli, Germano Lanzoni, Walter Leonardi e Flavio Pirini che allo Spirit de Milan hanno trovato casa e voglia di fare squadra, mescolando risate e malinconie, nonsense e profondità. (in onda anche sullo SpiritoPhono tutti i martedì alle 19:30).

MERCOLEDÌ 14 OTTOBRE Rock Files Live! di LifeGate Radio, a cura di Ezio Guaitamacchi.

GIOVEDÌ 15 OTTOBRE Barbera & Champagne con i Sem Pizz Duo il loro repertorio con le canzoni dell’osteria, quelle simpatiche, quelle geniali, quelle tradizionali e quelle d’autore, con un occhio di riguardo a Svampa, Valdi, Gaber e Brassens.

VENERDÌ 16 OTTOBRE serata Bandiera Gialla.

SABATO 17 OTTOBRE appuntamento con Holy Swing Night, con la direzione artistica di Mauro Porro.

DOMENICA 18 OTTOBRE Spirit in Blues con il concerto di Corey Harris & Ale Ponti. Corey Harris è uno dei grandi interpreti dell’anima blues afroamericana, e sarà accompagnato dal chitarrista e cantante di Blues, Gospel e Ragtime Ale Ponti.

 

LUNEDÌ 19 OTTOBRE Perché ci vuole orecchio – Open stage!”: il palco dello Spirit, “amministrato” da Flavio Pirini, si apre a tutti (cantanti e musicisti amatoriali e non) per esibirsi con il proprio strumento musicale su uno o due brani a scelta.

MARTEDÌ 20 OTTOBRE appuntamento settimanale con “CA.BAR.ET BOH.VISA. MILANO 5.0 – Musica e cabaret fuori dagli schermi” con protagonisti Rafael Didoni, Folco Orselli, Germano Lanzoni, Walter Leonardi e Flavio Pirini che allo Spirit de Milan hanno trovato casa e voglia di fare squadra, mescolando risate e malinconie, nonsense e profondità. (in onda anche sullo SpiritoPhono tutti i martedì alle 19:30).

MERCOLEDÌ 21 OTTOBRE Irish Night, serata di musica irlandese con gli Inis Fail.

GIOVEDÌ 22 OTTOBRE serata Barbera & Champagne con i The Cadregas, il cui repertorio sconfina dai più antichi stornelli milanesi di fine ‘800 e le goliardiche canzoni da osteria dei primi del ‘900 fino ad arrivare a Cochi e Renato, Strehler, Enzo Jannacci e Dario Fo, con alcuni sconfinamenti regionali. El Dindondero è invece il loro programma radiofonico in onda sullo SpiritoPhono tutti i giovedì alle 19.00.

VENERDÌ 23 OTTOBRE Bandiera Gialla.

SABATO 24 OTTOBRE appuntamento con Holy Swing Night, con la direzione artistica di Mauro Porro.

DOMENICA 25 OTTOBRE speciale Gianni Rodari per ricordare i 100 anni dalla nascita di uno degli autori italiani più importanti della letteratura italiana d’infanzia.

LUNEDÌ 26 OTTOBRE Perché ci vuole orecchio – Open stage!”: il palco dello Spirit, “amministrato” da Flavio Pirini, si apre a tutti (cantanti e musicisti amatoriali e non) per esibirsi con il proprio strumento musicale su uno o due brani a scelta.

MARTEDÌ 27 OTTOBRE appuntamento settimanale con “CA.BAR.ET BOH.VISA. MILANO 5.0 – Musica e cabaret fuori dagli schermi” con protagonisti Rafael Didoni, Folco Orselli, Germano Lanzoni, Walter Leonardi e Flavio Pirini che allo Spirit de Milan hanno trovato casa e voglia di fare squadra, mescolando risate e malinconie, nonsense e profondità. (in onda anche sullo SpiritoPhono tutti i martedì alle 19:30).

MERCOLEDÌ 28 OTTOBRE Rock Files Live! di LifeGate Radio, a cura di Ezio Guaitamacchi.

GIOVEDÌ 29 OTTOBRE serata Barbera & Champagne.

VENERDÌ 30 OTTOBRE Bandiera Gialla.

SABATO 31 OTTOBRE appuntamento con Holy Swing Night, con la direzione artistica di Mauro Porro.

Riparte lo sport di base: il 2 ottobre è festa a Milano

0
Zumba a Milano, foto generica da Pixabay

Lo sport riparte. Con nuove regole, ma con la stessa passione e con più entusiasmo di prima. In questi mesi di stop abbiamo fantasticato sulla ripartenza, abbiamo immaginato come sarebbe stato tornare in campo, abbiamo sognato di poter tornare ad emozionarci con i nostri ragazzi. Con coraggio e fantasia il Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano, con il contributo di Regione Lombardia, ha deciso di festeggiare la ripartenza dello sport di base.

Per accendere i riflettori e far brillare la bellezza delle piccole realtà sportive di base il CSI Milano insieme all’Assessorato Sport e Giovani di Regione Lombardia ed in collaborazione con Stefano Tirelli, ideatore del progetto Sport for Nature, organizza venerdì 2 ottobre alle 15.30, in Piazza Città di Lombardia a Milano, una “Ripartenza da Record”.

200 atlete del CSI nel campo allestito in Piazza Città di Lombardia, insieme a personaggi dello sport, delle Istituzioni e ai campioni della squadra meneghina Allianz Powervolley, tenteranno di battere il record di palleggi consecutivi che ad oggi appartiene alla città di Alessandria con 151 palleggi.

Tutti i partecipanti saranno coinvolti in un contest social. Ognuno sarà chiamato a pubblicare un post o una storia su Instagram taggando il profilo del CSI Milano (@csimilano) con il solo obiettivo si diffondere l’energia dello sport anche nel mondo virtuale.

Inoltre, l’occasione consentirà di presentare la stagione sportiva targata CSI durante un breve incontro con giornalisti e ospiti.

All’iniziativa parteciperanno Martina Cambiaghi, Assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia; Giusy Versace, campionessa paralimpica; Andrea Zorzi, pallavolista della “generazione di fenomeni”; Clara Mondonico, presidente dell’Associazione Emiliano Mondonico.

“Vogliamo accendere i riflettori sull’importanza delle società sportive di base come elementi vitali e fondamentali di una comunità, di un territorio e della società civile – dichiara il Presidente del CSI Milano Massimo Achini -. Vogliamo fare in modo che tutti capiscano che se le società sportive d’oratorio ripartono, lo fanno grazie alla forza di un volontariato capace di farsi in quattro per il bene dei ragazzi, capace di superare mille fatiche e di prendersi grandi responsabilità. Il rischio è quello che lo sport riparta in sordina. Non ci piace l’idea che lo sport di base riparta quasi di nascosto. Lo sport non è, non deve essere e non sarà mai meno importante di altri aspetti della vita quotidiana”.

“É ufficialmente scattato il conto alla rovescia per quello che noi consideriamo l’evento che sancisce la ripartenza dello sport di tutta la nostra Regione.  Abbiamo voluto organizzare un evento, simbolico ma d’impatto, per celebrare la ripartenza dello sport e per questo motivo ho raccolto molto volentieri l’invito del CSI di usare piazza città di Lombardia per dare il via a questa importante iniziativa post covid – ha spiegato Martina Cambiaghi Assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia -. L’importante rapporto che negli anni si è instaurato con il CSI ha permesso una preziosa collaborazione che possa riportare al centro lo sport, i suoi valori, preziosi elementi per la crescita dei giovani adulti di domani”. 

L’iniziativa è già sbarcata sui social con un countdown video realizzato da atleti e atlete di ogni età che in questi giorni stanno attraversando il territorio lombardo raccontando di un popolo sportivo che si prepara al fischio d’inizio della stagione 2020/2021.

Nel weekend del 3 e del 4 ottobre, dopo il via ufficiale che sarà dato in piazza Città di Lombardia venerdì 2 ottobre, sui canali social del CSI Milano saranno pubblicati i contenuti video di tutte le realtà sportive che, nelle loro palestre e nei loro oratori, sono già pronti a scendere in campo per un anno sportivo ricco di emozioni.

Rock Targato Italia, il 28 e 29 al Legend Club di Milano c’è la finalissima

0
Rock Targato Italia, foto da Facebook

Il 28 e 29 settembre, al LegendClub di Milano, si svolgono le Finali Nazionali della trentaduesima edizione di Rock Targato Italia, uno dei contest di scouting più longevi d’Italia, organizzato dall’Associazione Culturale Milano in Musica. Rock Targato Italia 2020 ha ricevuto il Patrocinio della Regione Lombardia Assessorato Autonomia e Cultura.

Questa è un edizione speciale: nasce dall’esigenza di trasformare un periodo di crisi in un momento di riflessione e ricerca per provare a riprogettare il futuro della musica e delle arti in maniera innovativa, fluida con sensibilità diverse rispetto al mercato. Non solo festival dunque ma un laboratorio con incontri, e musica. Tutto organizzato per approfondire territori, nuovi spazi ed orizzonti possibili.

Come di consueto verranno proposti incontri workshop su temi specifici legati al mondo musicale, in modo particolare alle difficoltà del settore musicale a causa della fase dura di quarantena generata dal Corona Virus.

PROGRAMMA:

LUNEDI 28 SETTEMBRE 2020

Area giardino Legend Club:

Ore 16.00 – Incontro con Roberto Bonfanti (Scrittore e artista) e Paolo Pelizza (docente cinematografico).

Rock; Letteratura e Cinema: cultura musicale anzitutto, nel tempo, il rock è diventato forma letteraria, poetica, artistica. La strada, sognando, emozionando…

Ore 17.00 – Proiezione Videolive/Autoprodotti

A causa del Covid-19 numerose performance live degli artisti selezionati per partecipare a Rock Targato Italia Finali Nazionali. sono state sospese e sostituite da videolive autoprodotti. I video sono anche online sul canale youtube di Rock Targato Italia.

Ore 19.00 – Consegna Premi TARGHE ROCK TARGATO ITALIA 2020.

Incontro con il vincitore della categoria “Miglior Artista Emergente”

Unitamente al premio “Miglior artista emergente” verrà conferito il PREMIO SPECIALE TARGA ROCK TARGATO ITALIA 2020 a MAURO PAGANI, musicista, produttore, compositore e sperimentatore. Un artista unico e originale, punto di riferimento del panorama artistico-musicale italiano.

Sala concerti Legend Club, (sanificata e distanziamento sociale)

Ore 21.00 – Performance Musicale.

MARTEDI 29 SETTEMBRE 2020

Area giardino Legend Club:

Ore 16.00 – Incontro/dibattito con Claudio Formisano  Presidente (CAFIM).

Sistema Musica in tempo di Covid 19. Problematica senza fine, Che fare?

Ore 17.00 Proiezione Videolive/Autoprodotti.

Nomina dei vincitori dei premi:

  • GRAN PREMIO ROCK TARGATO ITALIA.
  • PREMIO STEFANO RONZANI.
  • PREMIO SPECIALE CITTÀ DI MILANO.
  • PREMIO COMPILATION

Ore 19.00 – Consegna Premi TARGHE ROCK TARGATO ITALIA 2020.

Incontro con il vincitore della categoria “Miglior Live” e “Miglior Album”

In contemporanea verrà conferito il PREMIO SPECIALE COMUNICAZIONE TARGA ROCK TARGATO ITALIA 2020 a MARIO LUZZATTO FEGIZ, storico giornalista del “Corriere della Sera” unico e originale, inventore del “lavoro di critico musicale” mainstream nei media italiani: stampa radio e televisione.

Sala concerti Legend Club, (sanificata e distanziamento sociale)

Ore 21.00 – Performance Musicale.

Coronavirus Special Edition ONLINE di Rock Targato Italia 2020.

L’organizzazione reagisce alla difficile e limitante situazione sanitaria pubblicando incontri online, performance in streaming. www.rocktargatoitalia.eu

Premi “TARGHE” ROCK TARGATO ITALIA

Nomination 2020.

I protagonisti delle Nomination 2020 (cinque nominati per ogni categoria) sono stati scelti da una giuria composta da operatori del settore musica cinema moda e letteratura affini al mondo di Rock Targato Italia. L’ambizione del premio  sta nel sostenere e promuovere artisti autentici e di valore lontano dal mainstream ma particolarmente originali e di qualità. La musica della partecipazione, della ricerca, dell’inclusione, dell’empatia, un viaggio eterno attraverso le relazioni umane.

Ecco le categorie: Miglior AlbumMiglior Artista EmergenteMiglior Live, selezionati dal team di Rock Targato Italia.

Nel frattempo, ecco i nomi delle case discografiche che rappresentano gli artisti!  Un elogio va infatti a queste etichette: vere fucine di talenti, instancabili nonostante le evidenti difficoltà degli ultimi mesi e di seguito i nomi degli artisti e le categoria selezionate.

  • ALABIANCA
  • BAGANA
  • BLACKCANDY
  • DISCHI SOTTERRANEI
  • GLORY HOLE
  • LA TEMPESTA
  • RIBESS RECORDS
  • UBBA BOND
  • UMA RECORDS
  • VREC MUSIC
  • WARNER
  • WOODWORM MUSIC

Per maggiori informazioni sulle  NOMINATION 2020 (cinque nominati per ogni categoria) e leggere le bio motivazionali di selezione si rimanda alla pagina dedicata sul sito di Rock Targato Italia: https://www.rocktargatoitalia.eu/concorso.html

Because it’s my blood, la mostra alla Galleria Poggiali di Milano

0
GALLERIA POGGIALI MILANO, Kennedy Yanko Because it’s in my blood, foto fa ufficio stampa

Lo spirito sovversivo del rame affilato e l’ambiguità percettiva del fragile lattice dalle tinte forti monocrome: dal 24 settembre 2020 al 20 novembre 2020, la Galleria Poggiali, nella sua sede di Milano, presenta Because it’s in my blood, prima personale in Italia dell’artista newyorchese Kennedy Yanko (St. Louis, 1988).

Because it’s in my blood, è un omaggio a Betty Davis. Il titolo è preso in prestito dalla canzone F.U.N.K contenuta nell’album Nasty Gal del 1975. Simbolo di una generazione ed esempio di emancipazione sia per le donne che per la comunità afroamericana, Betty Davis, attraverso la sua musica, ha espresso la volontà di non dare per scontate le regole imposte da una società basata su principi ingiusti, gridando la sua indipendenza e insistendo nel continuare a vedere il mondo per come lei lo vedeva e non come gli altri pensavano dovesse vederlo. Ora ritorna più attuale che mai la necessità di essere liberi, di esprimere sé stessi senza censure. Censurare qualcosa solo perché non si è in grado di comprenderlo significa privarsi, sia individualmente che collettivamente, di crescita, turbamento e messa in discussione.

In mostra nella galleria Milanese, sette nuove produzioni, frutto di una ricerca in relazione alla combinazione di metallo di riuso e lattice dipinto che l’artista porta avanti da alcuni anni; opere di dimensioni variabili, dalle più piccole, Jimmie e Space che possono essere osservate nella loro interezza, alla più grande Crow, che occupa una parete intera. I titoli delle opere si ispirano alle parole usate da Davis, personificando gli elementi della vita della cantante e amplificando il rapporto che intercorre tra le opere. Anche se queste forme astratte potrebbero non richiamare immediatamente le immagini dell’era FUNK, la loro ambiguità nel contesto di Betty Davis consente agli spettatori di esplorare le riflessioni che sorgono nel pensare a questa icona femminile sottovalutata e alle opere di Yanko.

Yanko riconosce come il metallo faccia pensare subito all’industria ma per lei si tratta semplicemente di un materiale derivato dalla natura. È composto di atomi come il resto della materia e ha la capacità di mutare, trasformarsi e cambiare; il lattice dipinto che incorpora nella sua pratica estrae questa malleabilità dal metallo e aumenta la portata e la sensibilità di ogni opera. Le opere esposte in Because it’s in my blood imbrigliano questo spirito sovversivo, invitando l’osservatore a mettere in discussione ciò che vede. Fedeli a Betty Davis e a un’influenza surrealista, le sculture offrono un’irrisolvibile ambiguità e invitano lo spettatore a esaminarli e riesaminarli.

In occasione della mostra verrà realizzato un volume edito dalla Galleria Poggiali contenete un testo critico dello scrittore e curatore newyorchese Cristian Viveros-Fauné. Viveros-Fauné collabora con importanti testate internazionali, di settore e non, come ad esempio Art in America, artnet, Artnews, ArtNexus, Frieze, The New Yorker e The New York Press; si ricordano inoltre alcuni dei suoi testi critici scritti per mostre di grande successo, fra cui, Authentic/Ex-centric: Conceptualism in Contemporary African Art (49° Biennale di Venezia), Beuys and Beyond (Deutsche Bank Collection traveling exhibition), Ahmed Alsoudani (Phoenix Art Museum, Phoenix, USA).

Milano, Quattrozampe in fiera torna con le dimostrazioni dei cani-eroi

0
Un cane impegnato in una dimostrazione di salvataggio, foto ufficio stampa Natural Trainer

Sabato 3 e domenica 4 ottobre torna al Parco Esposizioni Novegro (MI) l’ottava edizione di “QuattroZampe in Fiera”, il più importante evento italiano dedicato a cani e gatti. Quest’anno, per la prima volta, con un format ideato completamente all’aperto, per consentire a tutti i visitatori di vivere una giornata di relax e divertimento in totale sicurezza, grazie agli ampi spazi verdi. Protagonista indiscusso dell’edizione 2020 della manifestazione sarà Natural Trainer ­– brand leader nella nutrizione naturale per cani e gatti – che ospiterà numerose attività all’interno del suo stand, tra cui le imperdibili esibizioni dei Cani Eroi.

In esclusiva per i visitatori della fiera, ci sarà l’opportunità di assistere al “Trofeo Ricerca su Macerie Trainer/CSEN”: una gara-simulazione di salvataggio tra le macerie, organizzata da Natural Trainer e da CSEN Soccorso, che offrirà la possibilità di ammirare l’impegno degli amici a quattro zampe nelle operazioni di salvataggio degli umani al fianco della Protezione Civile. Gli spettatori potranno anche testare le abilità del proprio cane nella ricerca tra le macerie e vivere così un vero “Giorno da Eroi”.

Nel corso del weekend, inoltre, avranno luogo presso la piscina le dimostrazioni di salvataggio nautico delle Unità Cinofile della Scuola Italiana Cani Salvataggio, partner di lunga data di Natural Trainer. Queste attività di volontariato, implementate ogni anno sulle spiagge italiane, contribuiscono in media al salvataggio di oltre 30 vite umane ogni estate. Dopo le esibizioni dei professionisti, i visitatori avranno l’opportunità di mettere alla prova i propri cani come bagnini a quattro zampe, prenotando gratuitamente in loco o sul sito www.quattrozampeinfiera.it .

Oltre all’area dedicata al salvataggio tra le macerie e alla piscina, Trainer allestirà nella splendida cornice del parco di Novegro un’area sportiva, dedicata alle discipline su terra. I visitatori potranno cimentarsi gratuitamente con i loro cani nelle varie attività sportive come Dog Agility e Rally Obedience, in compagnia di educatori cinofili. Un divertimento assicurato con i propri amici pelosi!

Il “Trofeo Ricerca su Macerie Trainer/CSEN” è cresciuto negli anni all’interno di un ampio progetto di collaborazione che Natural Trainer ha sviluppato con CSEN Soccorso con l’obiettivo di sostenere una delle realtà italiane più importanti nella formazione dei cani da soccorso. Il “Trofeo Ricerca su Macerie Trainer/CSEN” è aperto a tutte le associazioni e organizzazioni di qualsiasi forma che si occupano di cinofilia da Soccorso su macerie.

Milano, la Camera arbitrale inaugura una mostra… e dà i dati sulle imprese culturali

0
Nafta terra di mezzo, mostra alla Camera arbitrale di Milano

Arte e diritto, un connubio inedito, ma sempre più saldo. Oggi la Camera Arbitrale di Milano, specializzata in arbitrati e mediazioni, apre i propri spazi all’arte e inaugura la sua prima mostra, ponendosi come luogo di dialogo e di incontro, non solo tra parti in lite, ma anche tra visitatori e opere.

Nafta, la verità non esiste” è il titolo della mostra che sarà possibile ammirare gratuitamente da oggi fino al 17 dicembre negli uffici della Camera Arbitrale di Milano, Palazzo Francesco Turati, via Meravigli 7 a Milano su appuntamento. Nafta è il primo evento di un progetto più ampio “Terra di mezzo”, che vedrà susseguirsi un ciclo di mostre tra il 2020 e il 2021.

“Nafta”, con 22 fotografie in bianco e nero, realizzate da Elena Mocchetti, artista e reporter, rappresenta un percorso dell’animo in spazi di abbandono ed emarginazione economica e sociale. Le immagini e i video raccontano verità difficili tra la costa sud occidentale della Sicilia e la strada P2/P13 che attraversa la Tunisia. Ragazzini di età compresa tra i sette e i diciassette anni per fuggire dalla guerra e dalla povertà contrabbandano nafta, tabacco e alcol e spesso inseguiti dalla polizia esplodono insieme al loro carico infiammabile. La mostra ideata dalla Camera Arbitrale di Milano, società della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, nasce in collaborazione con la Collezione Giuseppe Iannaccone.

“Terra di Mezzo” e il suo primo appuntamento “Nafta” rappresentano per noi un vero esperimento nell’abbattere gli schemi e cercare di conciliare mondi diversi  – ha dichiarato Stefano Azzali, Direttore generale della Camera Arbitrale di Milano. Con questo progetto vogliamo esprimere un valore in più insito nella nostra Camera Arbitrale pensata come luogo di apertura e dialogo. La Camera Arbitrale è una vera Terra di mezzo, uno spazio in cui convivono visioni del mondo differenti, nel rispetto di tutti e delle regole comuni. Inoltre per le peculiarità del mondo dell’arte e per la complessità dei suoi conflitti abbiamo dedicato al settore un progetto di mediazione specializzato “ADR Arte” con l’intento di offrire alle parti un mediatore imparziale esperto in conflitti relativi ai beni culturali, per dare una mano a un ambito economico in evidente espansione”.

 COSA E’ LA CAMERA ARBITRALE DI MILANO?

La Camera Arbitrale di Milano si occupa da 30 anni di risoluzione alternativa delle controversie tramite strumenti come la mediazione, l’arbitrato e la composizione della crisi da sovra indebitamento. Il filo comune di queste attività è offrire una parte terza e imparziale rispetto a quelle in lite, che possa aiutarle a raggiungere un accordo o una soluzione ai loro problemi. Camera Arbitrale di Milano si occupa di diversi argomenti, dalla crisi di impresa alle liti successorie, dai conflitti bancari ai contratti di assicurazione, offrendo servizi specifici per nicchie di mercato. Esempio sono ADR Arte, la mediazione ambientale, Fast Track Mediation (un set di regole di mediazione più flessibili rispetto alla mediazione ex lege) e RisolviOnline.com (Mediazione da gestire interamente on line).

Le controversie in materia di arte. Rientrano in questo ambito le liti che abbiano un soggetto (artista, gallerista, collezionista, restauratore, art advisor, casa d’aste, museo, fondazione d’arte, associazione d’arte), un oggetto (quadro, scultura, fotografia, beni da collezione) o una materia d’arte (copyright, diritto d’autore, restituzione di opera rubata). La conflittualità “artistica” si caratterizza per la sua multidimensionalità, internazionalità e riservatezza. La Camera Arbitrale di Milano è specializzata in arbitrati e mediazioni e nel mercato dell’arte grazie al servizio di mediazione ADR ARTE.

Primo caso, controversia arte risolta in mediazione: fotografo VS rivista

Un fotografo collabora per diversi anni per una rivista. Nel 2014, a seguito della cessazione dei rapporti di lavoro tra le parti, nasce la controversia. Il fotografo si accorge che alcuni dei propri scatti sono stati pubblicati ripetutamente sul magazine senza che a lui sia stato riconosciuto alcun pagamento per il lavoro effettuato, anche in considerazione del valore artistico degli scatti. Dopo un incontro di mediazione le parti raggiungono un accordo con il quale entrambe concordano sul valore artistico delle fotografie, definendo un compenso per ciascuno degli scatti. Il compenso è inferiore rispetto a quanto inizialmente richiesto dall’artista, ma l’accordo consente alle parti di preservare buoni rapporti e, successivamente, di riprendere la collaborazione in modo proficuo.

Secondo caso eredità/successioni

Due fratelli sono in lite per l’eredità lasciata dal padre. Tra i beni oggetto di discussione c’è anche una collezione di tele dell’ottocento lombardo. Inizialmente i due propendono per l’immediata vendita delle opere (nessuno dei due è collezionista) ma sono in acceso contrasto sulla valutazione delle stesse. Il coinvolgimento di un esperto art advisor in mediazione consente ai due fratelli di valutare un’ulteriore opzione: concedere le opere in prestito ad un museo per un certo numero di anni. Questo consentirà alla collezione di aumentare di valore, di restare unita (così come era nelle intenzioni del padre) e di dare lustro all’opera di collezionista del padre. Questa soluzione piace ad entrambi: nessuno dei due ha infatti immediata necessità di liquidità e, al contempo questo permette di mantenere all’interno della famiglia un valore sia artistico che economico che potrà tornare utile in futuro. “Negli spazi della Camera Arbitrale di Milano ho trovato un sistema che fa dell’ascolto e della mediazione un’occasione di sviluppo attraverso l’arte e il confronto con uno dei sistemi più complessi della nostra società: quello legale – ha dichiarato Elena Mocchetti, la prima artista coinvolta nel progetto Terra di Mezzo – Abbiamo scelto di presentare una parte di “Nafta” per conformità al metodo usato nel costruire la narrazione, il cui intento, più che affermare verità è quello di suscitare suggestioni e domande, un dialogo fatto di assonanze tra diversità”.

QUANTO VALE IL SETTORE MOSTRE IN ITALIA E A MILANO?

In Italia le mostre d’arte generano in un anno un volume d’affari pari a 166 milioni di euro, di questo circa un terzo è in Lombardia. (Fonte: Siae dati 2018). Secondo gli ultimi dati dell’ufficio studi della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, in Italia al 30 giugno 2020 risultano attive 6400 imprese nei settori del commercio al dettaglio di oggetti d’arte, restauro, attività museale e formazione. Di queste imprese il 19,9% è presente in Lombardia e il 9,4% a Milano Monza Brianza Lodi.

Settore in crescita in un anno e in 5 anni (2015-2020). Aumenta del +1,5% in Italia il numero delle imprese del settore artistico in un anno, in Lombardia del 3,3%, nelle province di Milano Monza Brianza e Lodi del 3,4%, a Lodi +5,3%, Monza e Brianza del + 4,9%. Tendenza di crescita costante del settore in 5 anni in Italia del 4,3%, Lombardia del 9,2%, Milano Monza Brianza Lodi del 10,9%, Monza 30,6%, Lodi 17,6%, Milano 8,6%.

Podcast, il nuovo Rinascimento dell’audio: martedì 10 a Milano Damiamo Crognali presenta il nuovo libro

0
Podcast e radio, foto generica da Pixabay

“Considero il podcast un’opportunità per fare del buon giornalismo e delle belle narrazioni. La voce è molto importante, ha un profondo potere. Ma online è sempre stata considerata al servizio dell’immagine. Oggi invece grazie ai podcast anche la voce ha un palcoscenico su Internet, dove è la protagonista”

Giovedì 10 settembre alle ore 19.30 presso lo spazio Cler a Milano (via Bressanone 8) il giornalista Damiano Crognali presenta il suo primo libro, PODCAST – IL NUOVO RINASCIMENTO DELL’AUDIO. Come raccontare, pubblicare, promuovere storie da ascoltare, edito da Roi Edizioni. Un libro che è un prezioso strumento per imparare a essere comunicatori del futuro e diventare protagonisti del nuovo Rinascimento dell’audio. Un’inchiesta giornalistica sull’universo dei contenuti della voce, che vede l’alba di una nuova generazione di creators.

Crognali è un giornalista, realizza video e racconti, produce podcast. Ha collaborato con La Stampa, Agi, La7, si occupa di podcast per Now, la rubrica di approfondimento sull’innovazione di SkyTg24, e vive tra Milano e Kuwait City. A presentare l’evento il giornalista del Corriere della Sera Antonio Castaldo e, oltre a parlare di podcast, l’autore dedicherà al suo pubblico anche un “mini corso” per spiegare proprio come si realizza questo prodotto audio.

Preludio del libro la prefazione firmata da Pablo Trincia – giornalista, autore televisivo, creatore di podcast dallo straordinario successo come Veleno e Buio – che racconta la sua esperienza e la scoperta di questo nuovo terreno su cui esprimersi ritrovando l’amore per l’ascolto, ovvero il podcast. Il testo di Damiano Crognali fornisce tutte le risposte alle domande che si fanno i nuovi autori che vogliono diventare podcaster, le sfide e le opportunità che privati, aziende e professionisti che vogliono affacciarsi sul mondo dei podcast hanno davanti a sé prima di sbarcare su Spotify, Audible o su una delle altre piattaforme di questa nuova podcast economy.

Nell’ultimo anno gli italiani hanno scoperto il mondo dei podcast, ovvero questo nuovo modo di fruire di contenuti online che non è quello tradizionale della visualizzazione sullo schermo o della lettura, bensì quello dell’ascolto. Il fenomeno ha avuto un’esplosione grazie allo user generated podcast, ossia la produzione e pubblicazione di podcast da parte degli utenti, un impulso che è stato dato soprattutto da Spotify. Durante il lockdown, a causa dell’emergenza Coronavirus, gli utenti italiani che si sono messi a fare podcast sono aumentati del 500% e su Spotify c’è stato un aumento del 200% di questi contenuti non musicali. CROGNALI stesso, che ha vissuto il periodo di lockdown bloccato a Kuwait City, ha avuto modo di realizzare nuovi contenuti legati alla pandemia, come “Medioriente nell’Emergenza Coronavirus”, un podcast giornalistico di storie, viaggi e notizie d’attualità sulle questioni aperte di quest’area del mondo.

Questo libro è stata l’occasione per DAMIANO CROGNALI di mettere nero su bianco la sua esperienza e le lezioni apprese creando podcast e i suoi ricordi da creatore di contenuti alla radio. Anche se, spiega Crognali, il futuro dei contenuti audio online va oltre il modello della radio di flusso ma è nell’on demand, nell’ascolto quando, dove e come ci pare.

Il libro è denso di racconti, esempi e segreti che l’autore ha appreso ascoltando e seguendo i migliori podcaster al mondo, ed è anche un viaggio attraverso i protagonisti della podcast economy. Non mancano ovviamente gli aspetti pratici, come quando si entra nel vivo della produzione: quale microfono acquistare, come registrare, quale software di montaggio usare, dove trovare le basi musicali. Il libro dà spazio anche al podcast marketing, ovvero come far crescere e promuovere il podcast, e a come “vivere di podcast”, con le strategie e le tecniche per monetizzare la professione di podcaster.

Il libro non manca di analizzare sfide e criticità che si troveranno ad affrontare i player del settore, da Spreaker ad Apple Podcasts, da Audible a Spotify.  Audible, nata per la diffusione di audiolibri, si sta specializzando sempre più nella diffusione e nella produzione di podcast originali – in soli tre anni ha prodotto oltre 60 serie per il suo catalogo italiano. Spotify ha conquistato il mercato del podcast (in Italia ha di gran lunga superato gli ascolti di qualsiasi altra piattaforma) ma ha il suo tallone d’Achille nel non redistribuire i guadagni che trae dalla pubblicità anche ai creator stessi, rischiando così di cedere terreno a piattaforme che applicano un modello più sostenibile per i podcaster.

PODCAST DI DAMIANO CROGNALI ha lo scopo di raccontare a un autore come si diventa podcaster e come si può usare il podcast per creare un brand e un canale di comunicazione, con la promessa di mostrare come realizzare storie destinate a essere ascoltate. Questo libro non è solo la fotografia di un momento entusiasmante e frenetico di un mondo, quello del podcast, ma anche un approfondimento su un fenomeno che riguarda i creatori di contenuti, gli editori e i media.

DAMIANO CROGNALI, giornalista, youtuber e podcast producer, è tra i creatori di La7.it. Ha iniziato la sua carriera all’Ansa, poi a La7 e successivamente al sito LaStampa.it dove ha fatto video-reportage dagli Stati Uniti ed è stato inviato in Siria. Ha collaborato come giornalista con La Stampa, l’AGI, La7 e SkyTg24. È stato anche speaker in una storica radio milanese, Radio Atlanta. Come Podcast Producer, ha ideato e realizzato i podcast di Ninja.it e di Radio Atlanta e ha un seguito canale YouTube, dove fa divulgazione su che cosa sono i podcast e come realizzarli.